4.1.08

Costruita intorno a te. Col condono.



D’accordo, non ho mai avuto un buon rapporto con le banche. Ok non l'ho mai avuto con le istituzioni in generale a dire il vero, ma le banche mi hanno sempre riservato un trattamento speciale nel magico universo della follia burocratica.
E stavolta hanno decisamente esagerato!

Ma andiamo con ordine. Qualche tempo fa ricevo una chiamata dalla mia banca (una delle più grosse d’Italia)…


Banchista: Signor Brukoniglio?
Bruko: Si?
Banchista: Abbiamo appena scoperto una scopertura (sic!) di 30.000 euro nel suo conto.
Bruko: Mi sembra inverosimile. Il mio conto non ha mai neanche sognato più di mille euro al mese.
Banchista: Purtroppo però i tabulati parlano chiaro, dunque domani mattina dovrà recarsi nei nostri uffici a esaminare la pratica e regolarizzare la scopertura inoltre…
Bruko: -scorrono surreali immagini di alpaca viola nella mia mente-
Banchista: … bla bla bla bla bla bla bla conti scoperti bla bla bla bla autorità giudiziarie bla bla...
Bruko: D’accordo, allora passerò domattina alle 9 ma sicuramente si tratta di un errore.
Banchista: Impossibile! I nostri programmi contabili sono vicini alla perfezione divina!
Bruko: Esiste pur sempre l’errore umano.
Banchista: "Umano"? Di cosa parla?
Bruko: A domani. -click-

Quando l’indomani mi reco alla banca mi ritrovo con altri trenta folli esseri umani imbestialiti ad attendere l’arrivo del direttore che, con squilli di tamburi e rulli di trombe appare come un moderno Cristo sulla Via Crucis.

Direttore: Signori, purtroppo abbiamo fatto un errore di calcolo delle valute dei conti del…
Bruko: -alpaca viola… alpaca viola… alpaca viola… lama blu-
30 folli: -conigli rosa… coguari volanti… merluzzi saldatori-
Direttore: … e alla fine abbiamo scoperto che un nostro nuovo assunto ha digitato in maniera errata alcuni codici.
30 folli: Pheeeeeeeeeeew… -sgaloppano via-
Bruko: - cerco la banchista estraendo un machete- Dov’è quella puttanaaaaaaaaaaaaaaa!

Ma il meglio doveva ancora venire. Oggi pomeriggio un uomo misterioso lascia nella mia cassetta della posta un avviso nel quale scrive che non vede l’ora di trovarmi: nell’anonimo pizzino imbustato trovo solo due cellulari, il cognome del misterioso individuo e il nome di una S.p.a che a prima vista mi sembra una società produttrice di armi di distruzione di massa.

Curioso come sempre, mi collego a internet e scopro trattarsi di una società di recupero crediti; indagando ulteriormente scopro infine che lavora per varie banche (fra cui la mia), società di finanziamento, multinazionali, la Famiglia Bush, Cristina d’Avena, l’Area 51, e alcuni produttori di film porno a basso budget. Impaurito dalla sua potenza chiamo immediatamente il numero.

Non l’avessi mai fatto.

Bruko: Pronto? Il sign. Pitrollo?
Mr. Pitrollo: Cu è? (trad. in italiano corrente = Chi è?)
Bruko: Sono il signor Brukoniglio, ho trovato un suo avviso nella mia buca delle lettere.
Mr. P.: Avviso? Che? Ah, eh? ma comu si ciama lei? Ma ri unni ciama?
(= Avviso, ha detto? Uhm… Ah già! Si! Mi ripete il suo nome e da dove mi chiama?)
Bruko: Bru-ko-ni-glio. Chiamo da Pro-vi-dence.
Mr. P.: Aora viriemu chi è ca è!
(= Attenda un attimo, controllo immantinente di cosa trattasi, messere.)
Bruko: Si…
Mr. P.: -nel frattempo odo sconcertanti rumori di una casalinga urlatrice e di bambini bestemmianti- Seeelenzioooo!
(= Per cortesia, moderate il volume delle vostre graziose voci, o mia diletta famiglia…)
Bruko: …
Mr P.: E nente, ca s’hana pajari cci rati ro prestito ca sù scoperte!
(=Dopo accurata verifica, noto come lei debba saldare tre rate di un prestito, in effetti risultanti scoperte)
Bruko: A dire il vero, dagli estratti conto della mia banca non risulta che io debba pagare altre rate…
Mr. P.: Anfatti a voti succere ca fanu casinu e fanu sautari na rata sula ca puoi…
(= Tantè, purtroppo accade talvolta che i sistemi informatici si guastino e…)
Bruko: - Alpaca viola… alpaca viola… alpaca viola…-
Mr.P.: Ansumma, s’ana pajari, quannu posso passari?
(= Ahimè, purtroppo devono comunque essere saldate. Quando posso passare dalla sua dimora alfine di prelevare l’importo esatto?)
Bruko: Guardi, la richiamo lunedì, dopo aver parlato con qualcuno della banca, giusto per assicurarmi della faccenda di persona.
Mr.P.: U fattu è ca sta cosa, signò Cunigghiu, s’avissa risolvere prima possibboli sinnò finisci ca…
(=Ma certo, signor Brukoniglio. A risentirci).
Bruko: -click- -Prende un machete e si dirige verso la banca alle 22.15 di sera.


To be continued…

4 commenti:

Aerin ha detto...

Ho bisogno del seguito della storia..scrivilo ti prrrrrrego @_@

Giorgiorgiorgio ha detto...

trova questo commento brukoniglio

uha uha uha

Brukoniglio ha detto...

Trovato!

Brukoniglio ha detto...

Uhm...